Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 

È tempo di tinteggiare! Come pitturate le pareti di casa in 8 passi.

Da: “E ora da dove inizio?” a :“Sembra quasi un’altra casa!”

 
A volte si vuole semplicemente cambiare qualcosa. Ogni tanto, per sentirsi davvero a casa, si ha il bisogno di guardare le cose da una nuova prospettiva. O di una ventata d’aria fresca. Talvolta le proprie quattro mura non necessitano altro che un po’ di colore! Proprio come la vita. Noi abbiamo raccolto otto suggerimenti ad hoc per aiutarti a tinteggiare le pareti e per trasmettere la sensazione che tutto sia un tantino più nuovo. Perché per imbiancare le pareti di casa c’è bisogno di qualche prezioso consiglio di un esperto! Di seguito trovi le istruzioni per una tinteggiatura perfetta:

#1 – L’organizzazione è tutto!

La decisione è stata presa. Il giorno è stato fissato. Eppure, prima di cominciare a tinteggiare, ci sono ancora mooolti passaggi da pianificare! Per esempio dovrai chiederti con che stanza sia il caso di iniziare. Per fare questa scelta devi pensare in modo pratico, perché questa sarà anche la prima stanza ad essere pronta. La parete è nelle condizioni di essere pitturato? Se compare qualche traccia di muffa e se ci sono delle parti sgretolate le dovrai prima trattare. Successivamente ti consigliamo di calcolare la metratura delle pareti da ridipingere, così da poter acquistare la giusta quantità di colore. Ora puoi già iniziare... ad incamminarti verso Nordwal colour! Nel nostro video che trovi su YouTube ti mostriamo come eliminare in tutta semplicità la muffa dalle pareti di casa!

#2 – Cosa, come, dove?

Presso le nostre filial ti puoi far consigliare in ogni minimo dettaglio: come trattare le pareti rovinate prima di tinteggiarle? Quanti litri di colore comprare? Quali tipi di pitture servono? Quale colore scegliere? Di bianchi ce ne sono davvero tanti. E forse a qualche parete donerebbe una passata di grigio, di blu o di arancio!? Per gli interni possiamo consigliarti fin da subito la nostra linea Premium Color. E per il giusto tocco di colore ti suggeriamo di usare le nostre paste coloranti. Da noi trovi anche gli accessori e gli attrezzi indispensabili per imbiancare casa: pennelli, rulli, retine, feltri, nylon, cutter, scale e nastri adesivi. Hai tutto? Allora adesso puoi finalmente dirigerti verso casa!

#3 – Ci vuole ordine!

Riunisci in un solo punto tutto quello che ti serve per tinteggiare. Così riuscirai a mantenere il controllo della situazione! Ora bisogna spostare i mobili. Puoi scegliere se riunirli al centro della stanza, in modo tale da liberare le pareti o, se ne hai la possibilità, di spostarli in un’altra camera. Togli i quadri dalle pareti, svuota le librerie e ricopri tutto con un telo o con del nylon. Perché (probabilmente) i tuoi mobili e i tuoi quadri non hanno bisogno di una nuova passata di colore.

#4 – L’arte dello stendere il nastro adesivo

“Bisognerebbe poter mostrare i quadri che sono sotto il quadro.” Questo è quanto sosteneva il celebre pittore Pablo Picasso. Ma se la tua vena artistica non è propriamente così spiccata, accontentati per il momento di spostarli! Ammettiamo che molto probabilmente il quarto passo non ti aiuterà a farti sentire un pittore del calibro di Dalí o Van Gogh, perché stai per affrontare la parte meno artistica del ridipingere le pareti di casa: lo stendere il nastro adesivo. TUTTO cioè che non ha bisogno di essere tinteggiato e che si trova nelle immediate vicinanze delle pareti da imbiancare deve essere ricoperto da nastri adesivi e da teli. E tra le parti da ricoprire ci sono i battiscopa, i binari per le tende (qualora possibile è meglio staccarli dalla parete), i telai delle porte e delle finestre, gli scaffali, le prese della corrente e così via. Se desideri che anche il pavimento rimanga intonso, allora è il caso di stenderci un feltro sopra. Un consiglio sul nastro adesivo! Nel caso in cui tu voglia dipingere il soffitto con un colore diverso da quello delle pareti, o se vuoi usare varie tonalità, ti consigliamo di applicare del nastro adesivo anche lungo i punti che verranno tinteggiati con colori diversi.

#5 – Quel famoso ritocchino

È sempre il caso di stuccare le crepe sottili delle pareti e i buchi fatti con il trapano o con i chiodi che non usi più. Per farlo hai già acquistato il prodotto giusto nel nostro negozio, come ti avrà prontamente suggerito uno dei nostri esperti! E ora viene il bello:

#6 – Pennello alla mano!

È il momento di iniziare a tinteggiare! Ma... abbi ancora un attimo di pazienza. Prima devi stemperare il colore e a volte sarà anche necessario mescolarlo per bene. Sull’etichetta del vaso della pittura trovi la percentuale di acqua che devi aggiungere alla pittura. ADESSO sei davvero pronto: intingi il rotolo o il pennello nel colore, fai sgocciolare il colore in eccesso usando la retina e SPENNELLA! Attenzione: ti suggeriamo di tinteggiare lentamente e in modo uniforme. Inoltre, nei punti ricoperti dal nastro adesivo devi procedere con particolare accortezza per evitare di causare macchie. Consiglio sulla pittura! Per tinteggiare il soffitto usa il rullo, in questo modo risparmierai molto tempo e conserverai i nervi intatti!

#7 – Tra l’altro...

Qualche ulteriore avvertenza solo per inciso: lascia aperte le finestre finché tinteggi, in questo modo il colore si asciugherà più rapidamente e potrai passare la seconda mano subito dopo la prima. Una volta terminato di tinteggiare controlla di aver lavorato senza sporcare. Per un risultato perfetto puoi correggere le piccole imperfezioni con un pennello sottile. Nel caso ti sia caduta qualche goccia di colore, ti consigliamo di toglierla immediatamente. Per farlo usa dell’acqua oppure uno dei nostri diluenti. A questo punto il lavoro è concluso! Lascia aperte le finestre e fai asciugare la stanza per un giorno intero.

#8 – Il giorno dopo la tinteggiatura

Una volta che il colore si sarà asciugato bene potrai togliere i nastri adesivi e il feltro. Fallo lentamente per non sporcare. Potrai riutilizzare il feltro una seconda volta senza alcun problema, quindi non gettarlo via subito! Ed ora è arrivato di nuovo il momento di riportare i mobili al loro posto e di riappendere i quadri. FINITO, evvivaaa! Seguendo i passi di questa guida (su YouTube trovi un video inerente all’argomento) dovresti essere in grado di tinteggiare la tua casa in modo egregio! Se però continui a nutrire qualche dubbio gli esperti delle nostre filiali sono a tua disposizione e sono pronti a fornirti un aiuto concreto! E ora dai libero sfogo al Picasso che c’è in te! Buon lavoro!