Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 

I colori per gli interni e il loro significato

Colour your life - colora il tuo mondo come più ti piace!

 

Pippi Calzelunghe lo sapeva bene! E noi? Anche noi ce ne intendiamo di colori. O perlomeno sappiamo come e dove usare le diverse tonalità. Quando avrai terminato di leggere questo articolo lo saprai anche tu. E allora, si comincia: che il nostro viaggio nella psicologia cromatica abbia inizio!


Ogni colore ha un suo significato, questo dovrebbe già essere noto a tutti. Mentre il verde è il colore della natura, dell’equilibrio e del relax, il viola simboleggia il cordoglio, il giallo è il colore della gelosia e il rosso rimanda all’amore, alla passione, ma allo stesso tempo anche alla rabbia. Eppure, quando si tratta di pitture per interni, non è sempre così. Solo perché decidiamo di dipingere di lilla la parete della nostra camera da letto, non significa che ci troviamo in uno stato di tristezza perenne. In fondo le sfumature cromatiche dipendono anche dal contesto. E in questo modo tocchiamo già il primo criterio essenziale che influenza la scelta del colore delle pareti di casa. Qual è lo scopo della stanza? Che sensazione deve infondere quando si oltrepassa la soglia? E, ancora più importante, che stato d’animo deve trasmettere quando si esce dalla porta?


Colore è carattere

Anche Manfred Alois Mayr si è posto queste stesse domande. Nel suo caso, però, per lavoro. Lui, infatti, sviluppa concetti cromatici per edifici. “Si tratta sempre di congruenze: quale atmosfera voglio creare? Cosa vuole esprimere la stanza o l’edificio in questione?” Il suo obiettivo è quello di infondere una nuova sensazione, possibilmente migliore, alle persone che escono da uno spazio da lui realizzato. Per l’artista la scelta cromatica deve apparire in qualche modo ovvia, ma deve dimostrare anche una propria individualità. Proprio questi sono gli aspetti fondamentali da tenere in considerazione quando si scelgono le pitture per una casa privata: quale colore mi si addice? Quale tonalità esprime al meglio il mio carattere? Chi si pone queste domande si risparmia la fatica di dover ritinteggiare dopo appena un anno le pareti, perché non riesce più a sopportarne la vista.


Sono gli accostamenti a far la differenza!

La scelta della tonalità giusta dipende dunque in primis dalla propria personalità, piuttosto che dai trend cromatici del momento. Chiaramente ciò non significa dover ridipingere la casa da cima a fondo con decine di colori differenti. È necessario sviluppare un concetto cromatico lineare, creare un’armonia chiara... Seguire un filo logico, insomma, che questo sia rosso, blu, marrone o verde. Perché dopo tutto la scelta cromatica non riguarda solo le vernici per le pareti: un divano giallo, delle sedie blu, dei cuscini verdi o dei quadri colorati sono uno strumento per esprimere il proprio carattere all’interno delle mura di casa. Alla fine tutti questi elementi, soprattutto dal punto di vista cromatico, dovranno essere in armonia tra di loro. Il mantra è: scegli da tre a quattro tonalità diverse, non una di più. Inoltre considera anche il colore del pavimento: tende al rossastro o è grigio? Sarà anche in base a questa, infatti, che si procederà alla scelta dei colori che caratterizzeranno gli interni.


Colori che risvegliano emozioni

Ad ogni colore vengono abbinate delle determinate caratteristiche. In questo modo i toni del blu sono in grado di ingrandire stanze molto piccole e trasmettono una sensazione di freschezza (e di pulizia!). Le tonalità del rosso, dell’arancione e del marrone, invece, emanano calore. E il nero rimpicciolisce le camere... ma non sempre! Questo colore, infatti, può anche ridefinire i contorni di una piccola stanza e, infine, farla risultare addirittura più grande!


Last but not (!) least, l’obiettivo della stanza gioca un ruolo essenziale quando si vogliono scegliere le tonalità di cui circondarsi: cosa fai in questa stanza? In camera da letto probabilmente vorrai riposarti, quindi dovresti evitare il rosso. Ti stai chiedendo il motivo? Beh, perché il rosso è il colore dell’energia e stimola il nostro cervello. L’effetto è dunque tutt’altro che rilassante. Gli esperti consigliano di dipingere la camera da letto di rosa. Già, hai letto bene: le sfumature del rosa, infatti, hanno un effetto calmante sulla nostra anima! Il verde, invece, favorisce la creatività, per questo è particolarmente adatto agli studi e alle stanze da lavoro in generale. Inoltre va detto che è sostanzialmente indifferente che sia la parete ad essere dipinta di verde o che questo colore entri nella stanza sotto forma di una pianta! L’importante è che sia verde, per l’appunto. :-) L’arancione, invece, trasmette allegria, il nero e il grigio sono non-colori e per questo rappresentano lo sfondo ideale per combinare sfumature cromatiche. E il bianco? Il bianco si adatta a tutte le pareti. Ed è la base migliore per aggiungere colore alla tua vita! Non ci resta che dirti: colour your life!

Noi di NORDWAL colour ti aiutiamo nella scelta dei colori per la tua casa. Inoltre ti spieghiamo come miscelare il colore per ottenere la tonalità perfetta e come tinteggiare le pareti come un vero professionista. Passa a trovarci in uno dei nostri punti vendita!